A Pomezia il M5S introduce la tassa per chi riqualifica gli immobili abbandonati

Approvazione dei “criteri per la determinazione del contributo straordinario per interventi su aree o immobili in variante urbanistica, in deroga o con cambio di destinazione d’uso”.

Dietro queste indecifrabili parole, domani (il 30 luglio 2019) in consiglio comunale la maggioranza del M5S approverà una delibera che ammazzerà gli investimenti per riconvertire gli immobili abbandonati, i famosi eco-mostri presenti in città.

Se percorrete la via Laurentina troverete decine di capannoni industriali abbandonati.
Un altro esempio lampante è il mostro di Torvaianica ex-Biagio e molti altri.

Questa delibera introduce una nuova tassa che dovrà pagare chi decide di investire per recuperare un immobile abbandonato.
Il soggetto che vuole modificare la destinazione d’uso dell’immobile dovrà pagare al Comune la metà del valore commerciale guadagnato dall’immobile a seguito della riconversione.

Esempio, se prima il capannone valeva 10 e dopo il cambio di destinazione d’uso varrà 100, il proponente del progetto di riconversione dovrà pagare al comune 45 in aggiunta agli oneri e alle tasse già previste.

È evidente che questa nuova tassa sarà un freno agli investimenti e si rischia che nessun imprenditore voglia più investire nella nostra città, lasciando gli immobili abbandonati nel completo degrado.

Questo è un provvedimento dannoso per l’economia cittadina che ancora una volta vede il Movimento 5 Stelle emergere negativamente come forza politica che blocca ogni investimento, demonizzando gli imprenditori e capace di dire solo NO ad ogni progetto di sviluppo.

Ve ne parlo in questo video: CLICCA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *